contatore geiger Guardian Ray
        

    Il Radon, i rischi per la salute, la sua origine, le metamorfosi e come rilevarlo con il contatore geiger


introduzione Generalità sui temi quì trattati:


In questa sezione del sito vi spiegheremo cosa è il Radon, da dove proviene e come si può tentare di rilevarlo e misurarlo, sfruttando la speciale edizione GRAY712-FO del nostro contatore geiger "Guardian Ray,", che al posto del tubo standard (Beta + Gamma) realizzato in vetro borosilicato, monta invece un particolare tubo geiger con una piccola finestrella anteriore in mica, cosi sottile da permettergli anche la rilevazione delle particelle Alfa normalmente emesse dal gas Radon.


IL Radon-222 : un gas insidioso e pericoloso per la salute

composizione del radon

Il Radon è un gas molto radioattivo, appartenente alla famiglia dei cosiddetti gas nobili o inerti. E' insidioso poichè non può essere percepito con i sensi poiché incolore, inodore e insapore, si auto produce per "decadimento nucleare" del Radio, un altro elemento molto radioattivo che a sua volta deriva dal decadimento dell'Uranio. Questi elementi sono presenti da sempre in natura con quantità diverse nella crosta terrestre. Quindi può essere presente anche nei materiali da costruzione poichè dalla stessa terra vengono estratti i componenti con cui sono fatti. Possiamo trovarlo in percentuali quasi sempre contenute nel cemento, nel tufo, nei laterizi, nelle pozzolane, nei graniti, etc.). il Radon-222 ha un tempo di dimezzamento di 3,82 giorni e deriva, per decadimento alfa, dal decadimento dell'Uranio-238 in Radio-226


Quanto il Radon è pericoloso ?

Radon, il killer invisibile L'organizzazione Mondiale della Sanità ha identificato nel Radon il secondo fattore di rischio per l’insorgenza del tumore al polmone. In Italia si stima che il Radon causi fino a ben 6.000 vittime ogni anno. Negli USA una abitazione ogni 15 viene considerata a rischio Radon
Il Radon è un gas più pesante dell'aria ed è solubile nell'acqua. Per questi motivi dal suolo o dai materiali edili da dove ha origine, si propaga facilmente e può diffondersi negli edifici, sfruttando piccole fessure e porosità dei pavimenti. Così riece ed invadere i locali, specie i sottopiani e gli scantinati

Le normative sui limiti di concentrazione massima del Radon

In Italia non vi è ancora una legge che fissa il limite massimo ammesso della concentrazione di radon nelle abitazioni private. Comunque si fa riferimento ai livelli raccomandati dalla Comunità europea, che sono di: 200 Bq/m³ per le nuove abitazioni e di: 400 Bq/m³ per quelle già esistenti. Per gli ambienti di lavoro invece L'italia con il Decreto legislativo del 26 maggio 2000, n. 241 ne fissa un livello massimo di 500 Bq/m³.


Il contributo del radon alla radioattività ambientale

L' Istituto Nazionale di Fisica Nucleare spiega come il contributo più significante alla radioattività ambientale nei luoghi dove viviamo, è per oltre il 60%, determinato dal gas Radon, poi in secondo luogo è dato da altre fonti di radiazioni minori, che invece dipendono dai materiali che ci circondono (tufo, graniti, etc.), materiali che in genere sono spesso presenti nella nostra stessa casa.
 
Contributo relativo delle varie fonti radioattive

In pratica non vi è posto al mondo dove il radon non sia presente. All'aperto non raggiunge elevate concentrazioni, ma nei luoghi chiusi (sopratutto gli scantinati), può in alcuni casi arrivare a concentrazioni elevate che mettono a rischio la salute delle persone.





 


 Il contatore geiger può rilevare il radon ?


contatore geiger Guardian Ray

usb interface
Il contatore Geiger consente solo una misura generica della radioattività, ovvero conteggia il numero di particelle che sono emesse da un elemento o isotopo radioattivo che vanno a collidere con il tubo geiger dello stesso strumento in un determinato intervallo di tempo, . Va precisato che il rilevatore geiger non è assolutamente in grado di identificare la natura delle sorgenti radioattive coinvolte nella misura, e tantomeno può quantificarne l'energia emessa. Per avere tali riscontri invece si rende indispensabile utilizzare un costosissimo spettrometro, dotato di un speciale tubo foto scintillatore PMT.
Di conseguenza il contatore geiger legge solo l'attività ionizzante complessivamente generata da tutte le sorgenti radioattive presenti nell'ambiente circostante, quindi dove quasi sicuramente vi è incluso anche un certo contributo del radon e dei suoi isotopi
 


 Il decadimento "Alfa" del Radon

 decadimento del Radon-222

Il Radon nella sua forma originaria deriva dal dimezzamento del Radio che impiega ben 1600 anni per completarsi. Il Radon ha una vita molto breve, infatti rimane in questo stato solo 3,8 giorni, poi dopo 3,82 giorni emette una particella Alfa trasmutandosi in Polonio 218 (il famoso polonio trovato nelle sigarette). Anche questo isotopo resiste per solo 3,04 minuti, infatti viene riemessa una seconda particella Alfa e otteniamo il Piombo-214, un elemento che però è ancora radioattivo. Il decadimento del piombo, a partire dall'isotopo 214 fino alla sua forma stabile, passa per tutta una serie di decadimenti intermedi,(vedi figura soprastante), fino a quando l'ultimo dopo circa 24 anni si originerà il Piombo-206, un elemento finalmente stabile e non più radioattivo. Quindi l'attività radioattiva del radon e dei suoi "figli" dura e continua a fare danni alla salute per ben 24 anni.



Misurare il Radon con il contatore geiger

Rilevare il Radon con un comune contatore geiger è una impresa molto ardua, occorre infatti considerare che questo gas emette esclusivamente tre particelle Alfa nell'arco massimo di un'ora, Quindi innanzitutto occorre che il contatore geiger sia munito di un tubo geiger in grado di farsi attraversare anche dalle particelle alfa, che nonostante l'alto potere energetico, la loro natura corpuscolare le rende poco penetranti. Poi bisogna trovare un sistema per schermare efficacemente il tubo geiger o l'intero strumento da tutte le altre radiazioni del fondo sempre presente nell'ambiente  le cui componenti in prevalenza non hanno nulla a che fare con il Radon. Realizzare una efficace schermatura dalla radioattività di fondo non è cosa semplice, bisogna infatti considerare che circa la metà di questa è costituita dai raggi gamma cosmici, che per la loro natura ondulatoria sono particolarmente penetranti e quindi difficili da arrestare. Si consideri che per schermare di almeno il 70% la radiazione di fondo, occorrono non meno di 5 cm di piombo.
 
Riguardo il sensore da utilizzare, a parte le costosissime sonde a scintillazione, l'unico tubo contatore geiger capace di "sentire" con una discreta probabilità le alfa energetiche emesse dal radon è la :

GM Pancake,

sonda geiger tipo pancake LND7312 Principio di funzionamento del tubo geiger muller

Si tratta di una particolare sonda geiger abbastanza costosa, che si differenzia dai comuni tubi cilindrici in vetro e/o in metallo, per la caratteristica forma a padella le importanti dimensioni, in particolare la ampia finestra anteriore per l'ingresso delle radiazioni realizzata interamente mica. La grande membrana in mica conferisce alla sonda pancake una altissima permeabilità ad ogni tipo di radiazione nucleare, tanto chè anche i pesanti nuclei di elio che costituiscono le radiazioni di tipo alfa emesse dal radon possono essere facilmente rivelate.










Costruirsi uno speciale contenitore schermato
per tentare la rilevazione e misura del radon


Quindi per tentare di rivelare la attività del radon è essenziale costruire uno contenitore che sia capace di schermare efficacemente quasi tutte le radiazioni del fondo naturale. E' essenziale per potere condurre l'esperimento, disporre della versione speciale "PLUS-EXT" di Guardian Ray, richiedibile su ordinazione, quindi dotata di una speciale sonda pancake 7317 esterna allo stesso strumento.

dimensioni di una sonda pancake 73xx

La sonda montata esternamente ci consente di poterla alloggiare all'interno di un cilindro di piombo del diametro interno di circa 6 cm, con uno spessore minimo delle pareti di almeno 5 mm. All'interno nella parte inferiore vi andrà alloggiata la sonda geiger di "Guardian Ray",

  sonda per il radon con gm pancake

continua ...













Consigliamo anche il seguente tutorials:

- Cenni di Fisica Atomica, scoperta della radioattivita, danni biologici da radiazioni ionizzanti, dose assorbita e dose equivalente



   
     
 
 Contatore Geiger "Guardian Ray"  l'unico made in Italy con garanzia e assistenza Italianaspan>

 
catalogo e prezzo di tutti i contatori geiger Guardian Ray


GuardianRay è un sensibilissimo contatore geiger professionale l'unico veramente progettato ed assemblato in Italia, inoltre funziona anche come un efficace dosimetro digitale delle radiazioni ionizzanti,

E' il primo ed unico rilevatore di radiazioni ionizzanti made in Italy della sua categoria, poiché è stato completamente progettato e prodotto in Italia dalla società: ElettronicaNet S.r.l.

Questo particolare strumento è anche più comunemente chiamato contatore Geiger Muller, dal nome dell'inventore Johannes (Hans) Wilhelm Geiger  un fisico tedesco, che nel 1913 fu l'inventore del contatore di particelle sub atomiche elementari che in seguito perfezionò nel 1928 insieme a Walther Müller dal quale lo strumento prese una parte del suo nome.

GuardianRay, come si può notare nella immagine sottostante, è stato progettato per utilizzare alternativamente fino a 3 diverse tipologia di moderni tubi Geiger Muller. E' perfettamente capace di rivelare e misurare con una elevata precisione e sensibilità le radiazioni ionizzanti più pericolose per l'uomo, radiazioni beta,Raggi X e raggi Gamma).

continua a leggere la descrizione del nostro contatore geiger .....


  User password LOGIN CLIENTI
 
     
 
   





Ultimo Aggiornamento: 7 Dicembre 2013


ElettronicaNet S.r.l. ha sede legale e amministrativa in Via delle Gardenie 76, in Flumini di Quartu Sant'Elena  (Cagliari)
 Sede operativa, show room con esposizione permanente e negozio al dettaglio,  in Via Lodovico Ariosto a Cagliari (CA) 
Recapiti telefonici: Cell. +39 333 7602601 - Tel. 070 810664 (Lu-Ve dalle 17.30/20.00) - Fax 070 829135 / 070 8875044


   Copyright © 2001-2013  ElettronicaNet S.r.l. P.iva / C.F. 03240040927 
Tutti i diritti riservati -  Divieto di riproduzione non autorizzata